Progettazione Hardware e Software: le fasi di un percorso.

3 Giu 2020

Quali sono gli aspetti da tenere in considerazione per una buona progettazione hardware e software?

Da cosa trae origine un sistema di controllo per l’automazione di impianti industriali?
Come viene affrontato un nuovo progetto in SEPAM?

Apparecchiature elettriche, software PLC, MOTION, HMI e SCADA, sono il risultato di un processo che inizia dai primi colloqui con il cliente durante i quali se ne comprendono le esigenze e gli obiettivi e lo si supporta nella definizione delle specifiche funzionali.

Ogni progetto, dal più semplice al più complesso, è sviluppato in due fasi:

  1. Basic design: elaborato già in fase di definizione della proposta commerciale, costituisce la struttura del sistema nelle sue peculiari caratteristiche hardware – dimensionamenti degli apparati, layout delle apparecchiature, network, schema unifilare  – e software  che include logiche di controllo con integrazione dei sistemi di sicurezza, interfaccia uomo-macchina, servosistemi e reporting dei dati.
  2. Detailed design: ingegneria esecutiva che consiste nella stesura della documentazione di progetto  –  specifiche funzionali, schemi elettrici, distinte materiali, layout morsettiere, liste cavi, pianificazione dei test  – e nello sviluppo di software PLC, MOTION, HMI, SCADA.

Il team di Sepam, grazie alla propria esperienza e dinamicità, è in grado di fornire un accurato servizio di progettazione hardware e software elaborando le esigenze del cliente, affiancandolo nelle scelte e facendosi promotore di proposte volte ad individuare soluzioni innovative attinenti sia aspetti tecnici che valutazioni economiche.

Tutto ciò corrisponde a quello che in SEPAM affrontiamo quotidianamente nell’ambito delle nostre attività progettuali e che abbiamo sintetizzato in uno schema di flusso visualizzabile a questo link.

Lo staff tecnico di Sepam